Inserire una mail valida !

Mostra Inserire la password !

Hai dimenticato la tua password?



Hai dimenticato la tua password? Inserisci il tuo indirizzo e-mail e ti verrà inviato il link per la creazione di una nuova password.

Questa email non è registrata!

Ritorna al login

Close
Stefano Belfiore, social media specialist

Belfiore: senza formazione sei fuori dal mercato del lavoro

"E' necessaria per skillarsi meglio e per il proprio know how"

Stefano Belfiore, 37 anni, Laureato in Scienze Politiche, e con il pallino per la comunicazione. Ha iniziato la sua attività professionale come giornalista economico. Nel 2004 viene “rapito” – come tutti – dalla nascita di Facebook e un anno più tardi, oltre ad utilizzare il social per restare in contatto con amici e parenti, ne intuisce l’importanza di utilizzarlo quale veicolo per la comunicazione.
La sua passione per i Nuovi Media e i Social Network va di pari passo con la passione per il giornalismo. Oggi, infatti, è caporedattore della testata del gruppo Sofinn Italia, dove si occupa del settore aftermarket automotive; ma è anche un social media specialist.

Stefano Belfiore, social media specialist

Ma di cosa si occupa un Social Media Manager?
“Io preferisco la dicitura Social Media Specialist…”

Ci spieghi…
“Preferiscono questa definizione perché mi rifaccio alla distinzione esistente all’interno dei team social delle grandi aziende, che si compongono di tre figure: il Social Media Manager, il Social Media Specialist ed il Social Media Analyst”.

Tre figure con profili ed obiettivi diversi…
“Certo, il Social Media Manager attraverso il social media planner definisce gli obiettivi; il Social Media Specialist, invece, è l’anello di congiunzione tra azienda e web 2.0. E’ colui che svolge attività di content, ma non solo, tenuto conto delle indicazioni che emergono dal social media plan e che ricalcano quella che è la committenza. Quanto al social media analyst, infine, è colui che sonda le performance che il social media specialist ottiene con la pubblicazione dei post e restituisce un responso analitico. Insomma provvede alla misurazione risultati, consentendo di correggere eventuali scostamenti. Dunque, queste sono le tre figure che compongono il team social nelle grandi aziende e che si dedicano alla comunicazione 2.0. Nelle piccole realtà, invece, ci troviamo, spesso, di fronte a casistiche in cui una figura, generalmente definita social media manager, assorbe tutte e tre le caratteristiche”.

Quali competenze deve avere un Social Media Manager?
“Abbatterei da subito uno stereotipo: non è necessaria alcuna competenza di natura accademica. I social nascono sul web, quindi di accademico non c’è nulla. Ritengo che sia molto importante la capacità e la voglia di smanettare sul web. Ciononostante è necessario avere un background di comunicazione base e, al tempo stesso, aver fatto molta pratica sul web. Ma attenzione a non commettere l’errore di considerarsi un Social Media Manager esclusivamente perché si è su Facebook in modalità h24”.

Non avere competenze accademiche è un conto, ma la formazione è necessaria?
“La formazione è alla base per qualsiasi tipo di mestiere. Anche per un comunicatore. E’ necessaria per skillarsi meglio, per il proprio know how. Oggi tanto le organizzazioni, quanto i professionisti, che vogliono essere tali, sono fuori dal mercato del lavoro se non sono preparati. La formazione, in questo senso, risulta essere fondamentale. E mi riferisco ad una formazione che abbracci l’intero panorama…”

Si spieghi meglio…
“Oggi i Social Media vengono sfruttati soprattutto per veicolare i brand. Ma non è questo il solo utilizzo che ne se può fare. Le potenzialità dei Social Media vanno ben oltre, ma bisogna comprenderle fino in fondo, sia da parte di chi si propone come Social Media Manager e sia da parte di chi vuole utilizzare questo strumento. In questo la formazione aiuta a comprendere e a far comprendere l’importanza dei network. Proverò ad essere più chiaro: le aziende hanno ben interpretato il ruolo dei Social Media, ma la Pubblica Amministrazione è ancora lontana dall’obiettivo. Basti pensare al divario che vi è tra Nord e Sud nell’utilizzo dei Social”.

Per quanto i Social siano stati introdotti da poco più di un decennio, siamo di fronte ad una questione già datata. Basti pensare che Giovanni Arata in uno dei report “Social PA”, qualche anno fa aveva già evidenziato questa forbice, sottolineando l’incapacità delle Amministrazioni a porre quelle che sono le basi delle Smart Cities a fronte di un utilizzo di Facebook solo quale catalizzatore di consensi…
“E’ proprio questo il punto, che ci riporta al tema della formazione e che segue due strade parallele. Da un lato la formazione consente di aprire le porte al mondo del lavoro. Ci tengo a precisare che non vale l’equazione formazione uguale posto di lavoro, ma che questa dà la possibilità di avere una chance in più rispetto all’immobilismo; dall’altro formarsi significa anche comprendere le potenzialità dei Nuovi Media, che nell’ambito della PA vanno nella direzione dell’Urp 2.0, che si traduce, in un’epoca travagliata com’è quella attuale, di attivare la capacità di ascolto e dare risposte”.

Traslato nel mondo dei brand quali sono i vantaggi per l’azienda a dotarsi di un Social Media Manager?
“Siamo su due fronti di comunicazione diversi. Nel campo dei grandi marchi il ROI, ovvero il ritorno di investimento, si traduce soprattutto in un ritorno di immagine. Cosa che accomuna entrambi i tipi di comunicazione è la continuità del servizio. Nel campo dei brand il ruolo dei Social Media Specialist è quello di suscitare interesse, sedurre e smuovere le masse, lavorando sull’immagine e sul desiderio del client. Questo coincide con l’aumento di quella che è la brand reputation dell’azienda e quindi spingere l’utente a scegliere il tuo prodotto rispetto ad un altro”.

Come vede l’evoluzione dei social nel prossimo futuro?
“La skyline, nel breve e medio periodo, restituisce un panorama di lunga vita ai Social Network. C’è qualche battuta d’arresto,come quella subita da twitter che ha ha portato alla chiusura delle sedi italiane, ma questo anche perché l’attenzione delle masse è tutta direzionata verso altri modelli: Facebook e Instagram su tutti. Ma i Social restano il primo canale di comunicazione ad oggi. Ci saranno ulteriori aggiornamenti per le figure professionali. Siamo già nell’era del social customer care, ovvero delle aziende che usano il network per prendersi cura dei loro clienti. Ed anche in questo caso la formazione sarà fondamentale”.

Insomma siamo nell’epoca della lifelong learning…
“Sì, è un apprendimento continuo. In venti anni siamo passati dal lancio del world wide web,all’avvento dei social network e ci dirigiamo verso l’intelligenza artificiale. Formarsi, restare aggiornati, fa parte della nostra quotidianità. La formazione, mi ripeto, è fondamentale per stare al passo con i tempi e non restare esclusi da un processo d’innovazione che travolge solo chi resta immobile”.

mario pennella

Lascia un commento

MyWebSkill è un prodotto di MyWebGroup "Il presente sito non è un prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare".

| Privacy - Credits - Contatti

UTENTE

Perchè iscriverti?

Trovi subito lavoro

Ogni giorno le società hanno necessità di inserire nuovi profili nei loro organici. Inserisci il tuo CV e trova subito lavoro.

Fatti cercare dalle aziende

Basta alla centinaia di mail che invii tutti i giorni alle aziende, ora saranno le aziende a cercare te.

Condividi le tue competenze

Dai valore alle tue competenze condividi le tue skill grazie al tuo account personalizzato www.mywebskill.it/nomeutente e avrai maggiori possibilità di trovare lavoro ed essere selezionato dalle aziende per un colloquio.

AZIENDA

Cerchi nuovi profili?

Basta annunci

Su MywebSkill puoi trovare, in maniera semplice e veloce, i profili da inserire all'interno della tua azienda.

Meno tempo

Accedendo al nostro database di CV troverai le nuove figure professionali che stai cercando e acquisire le informazioni e le competenze di cui hai bisogno.

Profili certificati

Grazie ad un sistema di filtri potrai selezionare i candidati con skill certificate.

SPECIALIZZAZIONE

DISPONIBILITÀ

DOVE STAI CERCANDO?

  • Salerno
  • Napoli
  • Milano
  • Venezia
  • Torino
  • Verona
  • Avellino
  • Bari
  • Verona